MENU

Loft – ex Mulino Feyles

Il progetto si sviluppa all’interno di una porzione di un ex opificio industriale del XVI secolo a Torino. Obiettivo del proprietario il mantenimento della tipologia e della composizione originaria e costi di intervento da mantenere entro un budget di spesa ben definito.

Leggi di piĆ¹

Pochi gli interventi di demolizione: l'apertura di una passata verso il locale sottotetto per realizzare uno spogliatoio e di una ferritoia-finestra nel muro portante perimatrale per esaltare la presenza di un magnifico albero centenario nel cortile dell'edificio.

L'appartamento, caratterizzato da ampie finestre ad arco in ferro, presentava una zona centrale poco luminosa; tale fatto ha portato alla scelta di creare in quasta zona un "box" adibito a servizi, che non si eleva fino al soffitto per non intercettare la sequenza delle travature in ferro originali.

L'articolazione degli spazi ruota intorno al suddetto blocco che ospita i bagni: un ampio soggiorno-studio, la zona cucina e pranzo e sul soppalco la zona notte. Vicino allo spogliatoio una piccola zona palestra e, incassato nellaparte inferiore del soppalco, un vano per accogliere lavatrice ed asciugatrice.

Il pavimento originario in doghe di legno d'acero americano è stato recuperato e riutilizzato nella zona soppalco, mentre per tutti gli altri ambienti è stato realizzato in un'unica gettata un pavimento in battuto di cemento misto a granuli di quarzo, levigato ed incerato.

L'impianto di riscaldamento è stato recuperato da un'altra fabbrica ed è costituito da vecchi tubi radianti a lamelle di ghisa posti lungo le pareti perimetrali.